Meditazione della settimana 17-23 settembre

«In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.». (Mt 18, 21-35)

Davvero esigente questa richiesta di Gesù!!!!
Ci chiede un perdono continuo, senza stancarci, senza porre limiti, ma……chi ce la fa?
Nessuno con le sue sole forze e risorse è in grado di farlo,
solo chi rimane unito a Gesù e attinge alla sua forza, al suo amore, alla sua misericordia può farlo.
In fondo il perdono non è semplicemente un atto interiore che poi si esprime in gesti concreti,
ma è il cammino di una vita;
è la continua scoperta di quanto siamo noi, in prima persona, continuamente perdonati, salvati, riscattati da Dio, che ci rende a nostra volta capaci di perdono, di accoglienza, di misericordia autentica verso gli altri.
Più diventiamo consapevolmente grati della nostra verità di peccatori salvati e immensamente amati
e più ci verrà naturale perdonare gli altri che ritroveremo assolutamente fratelli nel cammino della vita,
allora capiremo che il “settanta volte sette” è semplicemente misura giusta per il cammino della vita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.