Meditazione della settimana 27 novembre – 3 dicembre

«Fratelli, questo voi farete, consapevoli del momento: è ormai tempo di svegliarvi dal sonno, perché adesso la nostra salvezza è più vicina di quando diventammo credenti.
La notte è avanzata, il giorno è vicino. Perciò gettiamo via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce.
Comportiamoci onestamente, come in pieno giorno: non in mezzo a orge e ubriachezze, non fra lussurie e impurità, non in litigi e gelosie. Rivestitevi invece del Signore Gesù Cristo.» (Rm 13, 11-14a)

Il Signore ci vuole svegli, desti, attenti, ma perché??
Lui vuole che prendiamo coscienza del dono che vuole farci, vuole che diventiamo consapevoli della nostra immensa dignità e grandezza;
ci vuole liberi e felici perché consapevoli di essere guardati con amore e stima.

Ma……quante masse di gente sono ancora immerse in una sorta di torpore esistenziale!!!
Volutamente tenute “al buio” perché non prendano coscienza della loro grandezza e dignità e così riducano la loro esistenza alla sola soddisfazione dei bisogni primari: mangiare, bere, ecc…..come prima del diluvio, senza rendersi conto di niente.
E questo perché a pochi va bene, anzi benissimo che restino nel sonno, che non si svegliano, che non capiscano e si aprano alla vita in pienezza.

Ma il Signore ci viene incontro, viene incontro ad ogni uomo per ricordargli chi è, a cosa è chiamato e quale destino di gloria lo attende.

FavoriamoGli l’accesso al nostro cuore e a quello dei nostri fratelli
allora sarà veramente un Avvento degno di questo nome!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.