15 Ottobre Santa Teresa di Gesù

15 OTTOBRE
SANTA TERESA DI GESU’
UNA SANTA ESCLAMANTE!!!!

Santa Teresa nella sua vita e anche dopo è stata definita con moltissimi appellativi, tutti veri e capaci di dare rilievo ai molteplici aspetti della sua ricchissima personalità.
In questa occasione vogliamo ricordarla come “Santa Esclamante”
e proporvi alcune sue bellissime esclamazioni piene di passione, amore e audacia.

O mio Signore, mio Bene, non è senza lacrime e grande gioia della mia anima che io ricordo questa cosa! Possibile Signore, che amiate tanto di starvene con noi? Non siete già nel Santissimo Sacramento? Sì, vi siete: dobbiamo crederlo assolutamente, perché è così. Perciò, possiamo fare questo raffronto in tutta verità e dire che se non è per colpa nostra, possiamo avere in Voi la nostra gioia, come Voi avete la vostra nello starvene con noi, avendolo detto Voi stesso che la vostra delizia è abitare con i figlioli degli uomini! E cos’è questo, Signor mio?
E’ sempre di grande gioia per me udire questa frase, e ciò anche quando ero lontana da Voi. E’ mai possibile, Signore, che un’anima, dopo aver ricevuto così grandi gioie e favori, e compreso che Voi vi deliziate con lei, torni ancora ad offendervi e a dimenticare tante grazie e così grandi prove di amore di cui non può dubitare per vederne chiaramente in se stessa le opere?……. Oh, le vostre misericordie, con quanta ragione dovrei io sempre cantarle!
Signore, datemi di poterle cantare in eterno, giacché vi siete compiaciuto di prodigarmele con tanta munificenza da meravigliare tutti coloro che le vedono. (Vita 14,10)

E che buon amante, e che amico fedele! O Signore dell’anima mia, dove trovar parole convenienti per far intendere i grandi tesori che compartite a chi si fida di Voi, e la grave perdita di colui che, giunto a questo stato, resta ancora attaccato a se stesso? (Vita 22, 17)

Dio mio, com’è vero che siete un amico forte e generoso, che potete tutto quello che volete, e non lasciate di amare chi vi ama! Tutte le creature vi lodino, o sovrano Signore del mondo! Si proclami dovunque che Voi siete fedele con i vostri amici! Tutto manca, ma non Voi, o Creatore del tutto, che mai lasciate soffrire chi vi ama! Con quanta delicatezza, Signore, con che tenera attenzione li sapete consolare! Felicissimo chi non ha amato che Voi! Se provate i vostri amanti con rigore, sembra, o mio Dio, che sia soltanto perché nell’eccesso dei loro patimenti si dimostri il maggiore eccesso del vostro amore. 0 Signore, perché non ho io altezza d’ingegno e dottrina, perché non so fabbricare nuovi vocaboli per esaltare la magnificenza delle vostre opere come io la sento? Mi manca tutto, o mio Dio! Ma se Voi mi lasciate, non mancherò io a Voi! (Vita 25, 17)

Oh, bontà e accondiscendenza di Dio! Com’è vero che non guardate alle parole, ma al desiderio e all’amore con cui si dicono! Come avete potuto sopportare che una pari mia osasse parlarvi con tal ardire? Oh, siate per sempre benedetto! (Vita 34, 9)

O mio Dio, come sapete far vedere che siete onnipotente! No, non c’è bisogno di cercar ragioni per convincerci di quello che volete! Contrariamente a ogni umana ragione, mostrate ad evidenza che tutto è possibile, e che per trovare facile ogni cosa basta amarvi sinceramente e abbandonare tutto per Voi. (Vita 35, 13)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in carmelitani e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.