Meditazione della settimana 7-13 febbraio

« Io infatti sono il più piccolo tra gli apostoli e non sono degno di essere chiamato apostolo perché ho perseguitato la Chiesa di Dio. Per grazia di Dio, però, sono quello che sono, e la sua grazia in me non è stata vana. Anzi, ho faticato più di tutti loro, non io però, ma la grazia di Dio che è con me..»
(1 Cor 15,1-11)

Solo dopo aver preso veramente coscienza di quello che siamo:
cioè che siamo piccoli e limitati,
solo dopo questa serena e umile consapevolezza possiamo diventare veri strumenti della grazia di Dio, veri apostoli della Buona Notizia, veri testimoni del Dio Altissimo.
E la cosa meravigliosa è che quando poi ci si volta indietro e si dà uno sguardo retrospettivo alla propria vita,
non ci si gloria più delle proprie opere e gesta, come di cosa propria,
ma si riconosce con grande gioia e verità che tutto è stato opera della grazia di Dio
che ha ben lavorato in noi,
grazia che, dopo averci fatto prendere coscienza della nostra piccolezza, ha potuto lavorare “indisturbata” in noi e attraverso di noi.
E’ un cammino di libertà e verità non facile,
ma necessario.
Ognuno di noi deve avere il coraggio e la forza di percorrerlo,
credendo che Dio sa il bene che vuole trarre dalla nostra vita e ci conduce passo passo, con immenso amore, attraverso gli eventi, le situazioni e gli incontri che facciamo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.