Meditazione della settimana (5-11 luglio)

«Ed egli mi ha detto: «Ti basta la mia grazia; la forza infatti si manifesta pienamente nella debolezza».
Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo. Perciò mi compiaccio nelle mie debolezze, negli oltraggi, nelle difficoltà, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: infatti quando sono debole,
è allora che sono forte.» (2Cor 12,7-10)

S. Paolo dice che si vanta ben volentieri delle sue debolezze.
Nessuno può arrivare a fare una tale affermazione in modo serio e convinto,
se non ha sperimentato la potenza di Cristo nella sua vita.
Per trovare “compiacenza” negli oltraggi, debolezze, difficoltà, e ognuno potrebbe aggiungere la sua lista personale, bisogna aver incontrato Cristo in modo personale e profondo…..allora questo atteggiamento di Paolo diventa spontaneo, naturale e quasi l’unico che si possa avere,
perché, difronte a Colui che è il Tutto,
non ci si può che riconoscere piccoli, deboli e bisognosi.
Ma questo riconoscimento non sgorga dal cuore come grido disperato,
come totale senso di sconfitta e inadeguatezza; no!!!
Ma diventa gioiosa espressione della piena consapevolezza di quello che siamo:
deboli e fragili creature;
teneramente custodite dentro l’amorevole abbraccio di Cristo.
C’è posto migliore dove stare????

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.