Meditazione della settimana (12 – 18 aprile)

«Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome. » (GV. 20, 19-31)

Siamo ancora una volta invitati a credere….
si potrebbe dire: “ma cosa deve ancora fare questo Signore per muoverci alla fede in Lui?”
I segni che sono stati scritti nel Vangelo dovrebbero essere più che sufficienti per aiutarci a credere, ma tante volte noi ne cerchiamo e ne vogliamo altri……come se mancasse sempre qualche cosa.
Ma in realtà i “segni” più credibili li porta impressi il Risorto nel suo corpo….i segni dei chiodi, della lancia, delle trafitture della corona di spine………
i segni di una dedizione che è arrivata al colmo,
di un amore che ha superato tutto pur di arrivare a dichiararsi in pienezza,
di un desiderio di esserci accanto anche nelle situazioni più avvilenti e degradanti in cui spesso sappiamo metterci.
Guardiamolo di più questo Gesù Risorto,
lasciamoci incontrare e “segnare” nel profondo dell’anima dal suo immenso Amore per noi;
allora sì che comincerà la vita vera!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.