Meditazione della settimana (1-6 dicembre)


«Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».”. (Mc. 13, 37)

Ecco il verbo dell’Avvento: vegliare!!
Ossia stare svegli, attenti, pronti.
Ma può rimanere in questo atteggiamento di “veglia” solo chi sa riconoscere che gli manca ancora qualcosa,
chi non si sente sazio e appagato,
chi non vive nell’illusione dell’autosufficienza;
ma ammette umilmente che non può darsi da solo il senso di tutto;
che ha bisogno di “qualcosa” che gli venga da fuori per realizzarsi in pienezza.
Può vegliare chi accetta di non sapere già tutto;
chi si lascia ammaestrare, istruire e continuamente formare dalla vita, dalle persone, dalle situazioni.
Può vegliare solo chi rimane sobrio e lucido,
chi non confonde il fugace piacere di un momento, con “quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, quelle cioè ha preparato Dio per coloro che lo amano” (cfr. 1 Cor. 2, 9). e che costituiranno la nostra vera gioia e beatitudine.
Infine può vegliare chi sa attendere con pazienza i tempi di Dio;
ben sapendo che Lui sa cosa realmente ci conviene.
Buon Avvento a tutti!!!


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.