Novena del Carmine (6)

VI Giorno

Riflessioni mariane di don Giuseppe Pollano

Maria è la “piena di Grazia”, la “senza peccato”, la persona in stato di autentica giustizia.Ma essere giusti significa essere puri.

Anche noi per sapere se siamo puri, per divenire puri, per essere stabiliti in stato di giustizia dobbiamo riferirci al “Signore della giustizia”, perché “il Signore soltanto è riconosciuto giusto”. Ma essere giusti cosa significa? Significa “rendere a Dio quello che è di Dio” e nessuno come Gesù lo poteva esprimere e di fatto lo ha espresso.. Gesù seppe tutta la giustizia perché di fatto la era, e “rendere Dio a Dio” lo faceva Verbo nel quale “ciò che è di Dio” è Dio stesso e dunque restituirsi al Padre era perfettamente la giustizia del dare Dio a Dio. Gesù durante la sua vita terrena non fece altro che continuare a riflettere il Padre, a irradiare il Padre, a restituirsi al Padre.

Maria, sull’esempio di Gesù, è la pura, la senza macchia, la persona giusta. Maria, investita dalla misericordia, valuta con cuore pieno di discernimento il dono che, come noi riceve in Cristo.Dedita senza incertezze a rispecchiare Dio nell’amore fedele, “assapora” la giustizia che la inebria di autenticità.

Maria ignora il nostro tormentoso bisogno di essere giusti, quello che portiamo nel nostro remoto bisogno di partecipare all’essere di Dio, perché è giusta proprio grazie alla partecipazione all’essere di Dio.

 Stella del mare prega per noi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in novena del carmine e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.