Meditazione della settimana (7-13 luglio)

“La messe è molta, ma gli operai sono pochi.
Pregate dunque il padrone della messe perché mandi operai per la sua messe.”
(Lc. 10,2)

Gesù ci dice che la messe è molta e gli operai sono insufficienti per tutta quella messe,
ma allora perché non li manda LUI direttamente?
Perché dobbiamo pregare?
Viviamo in un periodo storico in cui si sente sempre più spesso parlare di disoccupazione,
tanti e tanti giovani che non trovano lavoro, che non riescono a trovare stabilità, che vivono nella precarietà di impieghi a tempo determinato, a volte quasi a singhiozzo.
Eppure la messe è molta e gli operai sono pochi!
Ma perché?
Forse perché ci fa paura sentire ancora Gesù che dice: “Io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi; non portate borsa, né bisaccia, né sandali e non salutate nessuno lungo strada” (Lc. 10, 3)
Come a dire: “non portate con voi niente, lasciate le vostre certezze e sicurezze e andate fidandovi di ME, credendo nella potenza della mia PAROLA, imparando a far esperienza giorno dopo giorno della forza e bellezza del mio AMORE”.
Beh, allora si capisce perché dobbiamo pregare.
Nessuno di noi può diventare operaio nella vigna del Signore
se non viene continuamente preparato, sostenuto e protetto dalla preghiera.
Solo sentendo circolare in noi e poi, attraverso di noi, la sua Forza, possiamo davvero diventare suoi operai,
umile e gioiosi servi nella costruzione del suo Regno.

Allora non ci resta che metterci sotto a pregare, così, almeno noi, contribuiremo a ridurre
il tasso di disoccupazione!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.