Meditazione della settimana (7 – 13 aprile)

"

“Provo tanta gioia, o Signore, nel pensare
che le mie infedeltà fan meglio conoscere la vostra infinita misericordia,
che mi sento mitigare il dolore delle gravi offese che vi ho fatto”. (s. Teresa di Gesù)

Ecco come parlano i Santi!!
Di fronte alla constatazione della loro miseria, dei loro limiti, sbagli, difetti ed errori non si rattristano,
non si ripiegano in un’orgogliosa e sterile autosufficienza,
ma si buttano tra le braccia della Misericordia per gustarne tutta la dolcezza, il perdono e la redenzione.
Anzi arrivano a godere delle loro debolezze
perché queste diventano lo specchio della divina Misericordia
che attraverso di loro brilla e splende in tutta la sua bellezza e poi si riverbera anche sugli altri.
Eh, sì! Perché solo chi fa fatto esperienza della Misericordia,
solo chi si è sentito salvato, purificato e perdonato,
può, a sua volta, diventare portatore di misericordia per gli altri,
può avere uno sguardo di compassione, di benevolenza, di tenerezza sulle altrui fragilità sapendo sempre distinguere tra peccato e peccatore, proprio come fa Dio con ciascuno di noi.
Nella domenica della Divina Misericordia
7 Aprile 2013
chiediamo per ciascuno questa beatificante esperienza!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.