Meditazione della settimana (10 – 16 marzo)

"

“Rallegrati, figlio mio
perché tuo fratello era morto ed è tornato in vita,
era perduto ed è stato ritrovato”. (Lc. 15, 32)

Quando sapremo rallegraci come si rallegra Dio per il ritorno del figlio, di ogni figlio, allora potremo dire di essere veramente beati.
Eh, sì perché il rallegrarsi così richiede una tale e tanta libertà interiore che noi spesso non riusciamo, siamo come bloccati da tanti piccoli e grandi lacci interiori che ci impediscono di gioire in modo libero, sereno e gratuito, come fa il Padre.
Ma il segreto della felicità sta proprio qui: nell’essere come il Padre
cioè capaci di godere del bene dell’altro più che del proprio,
senza la paura che il successo dell’altro possa toglierci qualche cosa, offuscarci,
metterci in secondo piano, toglierci visibilità.
Ma più che parlarne bisogna farne esperienza per capire la portata di questa beatitudine!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in meditazione settimanale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.