II Venerdì di Quaresima

In questo secondo venerdì di quaresima vogliamo offrire alla vostra riflessione alcuni pensieri della nostra sorella s. Teresa Benedetta della croce (Edith Stein) che, morta ad Auschwitz, ha portato e vissuto sulla sua pelle tutta la pesantezza della croce di Cristo.

  E’ più difficile che portare la propria,
ma non possiamo evitarlo ………
………..la croce non è fine a se stessa.
Essa si staglia in alto e fa da richiamo verso l’alto.
Quindi non è soltanto un’insegna, ma è anche l’arma potente di Cristo,
il simbolo trionfale con cui Egli batte alla porta del cielo e la spalanca.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in varie e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.