Il Carmelo piccolo angolo di cielo

Dal sito della Diocesi di Alessandria

Sabato 24 novembre partecipai insieme a molte altre persone all’incontro per la Veglia di Preghiera che si tenne presso la Parrocchia di San Paolo di Alessandria con il nuovo Vescovo, Sua Eccellenza Guido Gallese. Durante l’incontro il Vescovo chiese chi tra i presenti fosse stato a pregare a Betania con le suore del Carmelo. Si alzarono molte mani, ma io non fui tra coloro che l’avevano alzata. Il Vescovo allora invitò tutti a fare quella esperienza e fece lo stesso invito anche la domenica successiva in Duomo. Presi nota del suggerimento, cercai il loro sito web e già pochi giorni dopo scrissi al monastero per chiedere informazioni su come poter partecipare agli incontri di preghiera e gli orari. Mi rispose subito suor Maria Amata, stampai la mail e la tenni in vista vicino al mio computer, mi ripromisi di andarci al più presto e comunque prima di Natale. Non è stato così; sono andata solo sabato scorso, insieme a mia zia di Cascinagrossa, alla preghiera del Vespro alle ore 17.00.

Sabato è stata una giornata con brutto tempo e poca luce, nuvole basse, pioggerillina fine e foschia. Sono di Alessandria, ma non ero mai stata a Betania; la strada per arrivare è di facile accesso e ad un certo punto c’è un piccolo piazzale dove si può vedere la vallata. Siamo arrivate ed entrate in Chiesa. Poco prima delle 17 ho parlato attraverso la grata con suor Maria Amata, alla quale ho chiesto indicazioni per come seguire la preghiera sul breviario. Mi ha colpito il suo sorriso così luminoso e pieno di gioia che sembrava essere un sole, il sole che proprio in quella giornata mancava.

Partecipare alla preghiera e ascoltare il loro canto finale della Salve Regina è stato come essere in un luogo “oltre ogni luogo”; è come essere ai piedi di Dio, al suo riparo, dove pensieri e preoccupazioni non riescono ad entrare, sotto il suo mantello, dove solo la sua luce e il suo calore trovano spazio.

Sul sito del Carmelo è scritto:  ci sono molti modi per definire il Carmelo, ma tra tutte le possibili definizioni a noi piace ricordare questa della nostra santa Madre e Riformatrice Teresa di Gesù (1515 – 1582): “Il Carmelo è un piccolo angolo di cielo, nel quale Gesù trova la sua compiacenza”. Sì, perché a Betania i piedi toccano la terra ma ciò che è dentro di noi sembra essere in cielo, in un piccolo angolo di cielo, dove l’anima trova riposo.

Fiorella Ferrando

Questa voce è stata pubblicata in valmadonna e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.